YOPO, UN POTENTE RAPÉ DELL’AMAZZONIA. Un rimedio sciamanico proveniente dal Venezuela e dal Brasile che sorprende perfino i più navigati conoscitori di esperienze con enteogeni.

UNA SOSTANZA NATURALE ESTRATTA DAI SEMI DI UN ALBERO SELVATICO.

Se aspirato col naso induce l’espansione di coscienza ed un effetto terapeutico-spirituale sorprendente.

 

Come descrivere l’orgasmo cosmico senza l’esperienza sessuale?

I DETTAGLI DELL’ESPERIENZA, LA COMPOSIZIONE E IL MODO DI CONSUMARLO:

Per gli esperti di piante e sostanze enteogene, o rimedi ancestrali, l’effetto dello Yopo è come una fusione tra Ayahuasca e Bufo Alvarius. Ovvero, effettua una pulizia dell’organismo e induce una connessione spirituale. Da una parte c’è l’ego messo alle strette, dall’altra la coscienza di unità. L’espansione della coscienza è certa, ma durante il processo si muovono cose differenti, sino a giungere ad uno spazio molto particolare dal quale contemplare la realtà. Ogni rimedio ancestrale ha il proprio particolare modo per condurci in luoghi diversi dai quali osservare noi stessi.

Ad esempio, a differenza dell’Ayahuasca o del Bufo Alvarius, lo Yopo ci conduce oltre l’amore, permettendoci di percepire l’incondizionalità, da un lato, e le nostre limitazioni, dall’altro, come se fossimo in una stanza con due finestre. Tale spazio si situa proprio prima dell’esperienza di unità e dopo la lotta con l’ego, una frontiera dalla quale è possibile apprezzare la dualità. Come tutte le esperienze enteogene, lo Yopo ci apre alla comprensione del prossimo, permettendoci di stabilire dialoghi profondi con persone che si trovano al contempo nel medesimo processo (è ideale per amici e coppie).

Lo Yopo è un rimedio naturale enteogeno la cui origine e l’uso risalgono all’Amazzonia venezuelana e brasiliana. Si prepara con i semi macinati della pianta Ananthethera Peregrina che, alla fine del processo di preparazione, mescolata a ceneri e altri semi, si presenta sotto forma di piccole pasticche di color nero, marrone o bianco, che vengono in seguito macinate, fino ad ottenerne una sottile polvere adatta all’inalazione.

Il metodo originale per consumare questo rimedio è tramite inalazione, tramite la yopera, uno strumento a forma di tubo biforcato che viene inserito nelle narici; viceversa noi lo offriamo tramite un proiettore per acuirne l’efficacia e la forza di penetrazione (pratica che viene comunque utilizzata anche da alcuni maestri di Yopo).

Per prepararsi è indispensabile bere un’altra sostanza liquida che contenga caapi, il quale agisce come rilassante naturale e prepara chimicamente l’organismo all’esperienza visionaria; si può utilizzare l’Ayahuasca in piccole quantità, ma non solo.

L’esperienza comincia dopo 5 minuti dall’inalazione. Il corpo comincia a scaldarsi e ci si sente percorsi da un piacevole formicolio. La consapevolezza fisica è più acuta, e può sorgere un malessere generale che invitaa depurare l’organismo attraverso il vomito, il quale ha come fine quello di depurare e sbloccare i canali energetici.

È allora che cominciano le visioni, le quali hanno l’obiettivo di rompere i meccanismi che sostengono la struttura dei pensieri, dando inizio a una sensazione di confusione, un aspetto indispensabile per l’apertura di nuovi spazi di percezione. Uno degli straodinari effetti dello Yopo è l’annientamento momentaneo delle maschere e dei personaggi che interpretiamo nella vita quotidiana, così da rendere possibile vedere il nostro vero volto, ciò che siamo.

L’esperienza con lo Yopo ci immerge anche in un incommensurabile sentimento di gratitudine e comprensione. Ci sostiene nel processo di scoperta di noi stessi, degli altri e della vita, con occhi pieni di amore. Solo con l’Amore puro, non erotico, possiamo conoscere davvero chi siamo, da dove veniamo e dove siamo diretti. Ma in questa vita materiale e piena di condizionamenti ci dimentichiamo spesso di questo. In tal senso queste piante ci aiutano a recuperare la memoria, per questo è necessaria una scarica di energia nella mente, come se un treno irrompesse nella normalità. Secondo quanto riportato da Lorena, una delle nostre facilitatrici: “Quando ho provato lo Yopo per la prima volta è stato come se mi avessero messo una granata nel cervello, che esplodendo ha fatto svanire tutti i personaggi che interpretavo, facendomi così accedere al mistero di ciò che sono”. Secondo gli esperti di Yopo è molto strano che tale momento di rottura si ricordi dopo l’esperienza, in genere succede ma non lo si ricorda, ed è il momento durante il quale avviene la resa o la rottura degli schemi soggioganti.

L’esperienza comincia ad occhi chiusi e assumendo una posizione adeguata, che i facilitatori indicheranno durante la fase di preparazione. Secondo quanto riportato dai chi ha provato tale processo, il momento di crisi e di confronto dura all’incirca 15 minuti, ma in seguito ha inizio un’elevazione di coscienza tale da giungere ad uno stato di pienezza che può durare anche fino a tre ore.

A livello chimico lo Yopo contiene N-N-DMT, lo stesso principio attivo dell’Ayahuasca, ma contiene anche 5-meo-DMT, presente nel Bufo Alvarius (anche se in dosi e concentrazioni molto minori), inoltre contiene Bufotenina.

Non esiste nessun caso registrato di morte o di ripercussioni psicotiche causate dal consumo di Yopo.

Vi sono invece numerose testimonianze di persone che, dopo l’esperienza, hanno ricevuto il primo grande input per iniziare un processo di liberazione totale dalle credenze auto-limitanti che ci imprigionano, conducendo molti a uscire dalla depressione o dalla dipendenza. Secondo i membri del nostro Staff si tratta di un ottimo complemento, ideale per ogni processo di guarigione, comprensione e trasformazione. Un ulteriore anello nella catena di strumenti di cui disponiamo per risolvere i nostri problemi emotivi e di salute, per poter arrivare a vivere in pace e pienamente.

INNER MASTERY INTERNATIONAL, organizzazione pioniera a livello mondiale nell’uso di sostanze naturali e rimedi ancestrali, offre la possibilità di provare quest’esperienza partecipando a 1 o 2 giorni/notti di ritiro, in una casa molto comoda e adeguata, con la possibilità di richiedere una supervisione medica e con facilitatori esperti in grado di supportare e accompagnare il processo.

Offriamo lo Yopo anche in Italia, in tutti i nostri Ritiri di Evoluzione Interiore, se desideri maggiori informazioni, contattaci: [email protected]  o consulta la pagina ufficiale degli eventi (lo Yopo rientra nella categoria delle sessioni opzionali supplementari, similmente al Bufo Alvarius, al Kambo, all’Inwasi, ecc.)

https://www.albertojosevarela.com/it/uninformazione-che-trasforma-il-cervello/

 

Home YOPO, UN POTENTE RAPÉ DELL’AMAZZONIA. Un rimedio sciamanico proveniente dal Venezuela e dal Brasile che sorprende perfino i più navigati conoscitori di esperienze con enteogeni. YOPO, UN POTENTE RAPÉ DELL’AMAZZONIA. Un rimedio sciamanico proveniente dal Venezuela e dal Brasile che sorprende perfino i più navigati conoscitori di esperienze con enteogeni.

Dejanos tu comentario sobre este artículo

Comparte este artículo

Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Alberto José Varela

Alberto José Varela

Fundador de empresas y organizaciones; creador de técnicas, métodos y escuelas; autor de varios libros. Estudiante autodidacta, investigador y conferencista internacional, con una experiencia de más de 40 años en la gestión organizacional y los RRHH. Actualmente crece su influencia en el ámbito motivacional, terapéutico y espiritual a raíz del mensaje evolutivo que transmite.

Otros artículos por Alverto

Elige un Idioma

Selecciona tu Idioma